informativa cookies

Utilizziamo i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione e per aiutarci migliorare il nostro sito. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookies in caso contrario è possibile abbandonare il sito. Per maggiori informazioni sulla tipologia di cookies utilizzati da "Fornelli&Ricette", vi invitiamo a cliccare sul pulsante "Approfondisci".

polvere bucce mandarino

Nel periodo invernale, approfittando dei termosifoni accesi, ho l'abitudine di dare una seconda vita alle bucce degli agrumi , usandole per aromatizzare le stanze di casa mia. Semplicemente, le sistemo sui caloriferi e aspetto che il calore diffonda nell'aria gli olii essenziali.

Le bucce dei mandarini, essendo molto sottili, diventano simili a fogli di carta in pochi giorni. Da qui...l'idea di dare addirittura una terza vita a questo prodotto, riducendolo in polvere! Ho iniziato quest'anno, grazie ad una cassetta di agrumi biologici, provenienti direttamente dall'orto di mio zio.

La polvere di buccia di mandarino è una conserva molto aromatica e mantiene intatto il profumo dell'agrume. La uso per tantissimi piatti: creme, ciambelle, torte. Ma anche per preparazioni salate, ad esempio per il pollo con le patate, le zuppe di legumi o i nodini di maiale. 


PREPARAZIONE DIFFICOLTÀ PORZIONI
5 minuti Bassissima /

INGREDIENTI:
Bucce di mandarini  
STRUMENTI:
Vasetto a chiusura ermetica Forno o caloriferi 
Tritatutto  



 

Definire bene le quantità degli ingredienti è abbastanza difficile per le conserve. Si parte da quello che voi avete in casa e poi dalla grandezza dei vasetti.

Nota importantissima: i mandarini devono essere biologici. Non usate i mandarini da grande distribuzione perché la buccia è ricca di prodotti chimici. Inoltre, a me piace sprecare meno risorse possibile. Per questo uso i caloriferi. Ma per chi non li avesse, si può ottenere lo stesso effetto con il forno. 

Conservate le bucce dei mandarini. Stendete un canovaccio sul calorifero, copritelo con una striscia di carta forno e disponete le bucce sopra la carta. Per evitare che si sporchino con la polvere, sistemate una striscia di carta forno anche sopra.  

Aspettate un paio di giorni o fino a quando la buccia non diventerà ancora più sottile e croccante. Quando saranno pronte, chiudetele in un vasetto ermetico, fino a quando non ne produrrete la quantità a voi necessaria.

Passato il tempo, trasferite le bucce in un tritatutto e riducetele in polvere. Più fine è, meglio è. Io chiudo il vasetto e lo lascio un paio d'ore sul calorifero per asciugare l'eventuale umidità assorbita durante lo sminuzzamento. 

Usate la polvere per aromatizzare i vosti piatti sia salati che dolci.

Foto: "Fornelli e Ricette".


Vuoi essere aggiornato sulle ultime ricette di "Fornelli & Ricette" o chiedermi maggiori dettagli? Segui la pagina Facebook o Instagram

Potresti provare anche un'altra conserva:

I lampascioni, il cui nome scientifico è "muscari", sono delle gustosissime cipolline spontanee

L'altro giorno, in un'incursione al supermercato, io e la mia migliore amica abbiamo riso di gusto davanti allo scaffale delle panature.

Il cotogno, albero da cui si ottengono le mele cotogne, ormai è in via d'estinsione.

Iscriviti alla Newsletter!

Entra a far parte anche tu della Community di Fornelli&Ricette!

Iscrivendoti alla mia Newsletter, ti invierò un messaggio mensile con idee, suggerimenti culinari, novità ed eventi legati alla cucina!
Nessuno spam! Te lo prometto! :-)

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Dai Socials di "Fornelli & Ricette"

Ti piace "Fornelli & Ricette"?
Allora, condividi e segui!

Share With Friends...

Aiutami a far crescere il mio blog, segnalando la pagina ai tuoi amici. Social, E-mail o WhatsApp, basta cliccare e condividere!

...And Follow Us:

Segui le nostre pagine social di "Fornelli e Ricette" per essere sempre aggiornato sulle ultime ricette inserite!