informativa cookies

Utilizziamo i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione e per aiutarci migliorare il nostro sito. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookies in caso contrario è possibile abbandonare il sito. Per maggiori informazioni sulla tipologia di cookies utilizzati da "Fornelli&Ricette", vi invitiamo a cliccare sul pulsante "Approfondisci".

lajane pomodoro cacio

Elencare i primi piatti salentini senza parlare delle paste fatte in casa è impossibile. Quindi, prima di addentrarsi nelle preparazioni tipiche della tradizione culinaria del Salento

, è necessario fare menzione alle orecchiette, alle sagne, alla tria e a tutta la pasta che, tipicamente, veniva "scanata" (impastata) a casa. Descrivere i passaggi salienti a parole è molto difficile, quindi, ingredienti a parte, abbiamo utilizzato youtube per caricare alcuni video tutorial. I video presentati non sono di nostra proprietà e trovate i relativi links originali alla fine della pagina.

 

In particolare, in questo articolo parleremo delle tagliatelle ripiegate, traduzione italiana delle famigerate sagne 'ncannulate o ritorte. La sagna era il piatto della domenica per eccellenza, poichè condita con il sugo di carne o di polpette. Nella tradizione contadina, infatti, i piatti di carne denominavano una certa agiatezza economica e, per questo, venivano cucinati per eventi particolari o durante le festività.  La forma attorcigliata si dice fosse stata pensata per ricordare i trucioli del legno prodotti da San Giuseppe, durante la sua attività di falegname.

sagne ncannulate


PREPARAZIONE DIFFICOLTÀ PORZIONI
60 min di preparazione Media 6 persone

INGREDIENTI:
Farina di semola di grano duro 400 gr
Sale q.b.
Acqua tiepida 200 ml circa
STRUMENTI:
Mattarello  
Tagliere o spianatoia  


Versate la farina a fontana sulla spianatoia.Aggiungete il sale e, poco alla volta, incorporate l'acqua. Impastate il composto finchè non avrà assunto una consistenza elastica e liscia. Il panetto sarà pronto quando non si attaccherà più al tagliere, durante la lavorazione.
Con l'aiuto del mattarello, stendete il panetto fino ad ottenere una sfoglia piuttosto sottile. Le tagliatelle salentine sono più rustiche di tutti gli altri tipi, quindi stendetele un po' più spesse rispetto alle tagliatelle classiche all'uovo. Con l'ausilio di un coltello, ricavate delle striscioline della larghezza di due cm circa. A questo punto, prendete una striscia singola e ripiegatela su se stessa come mostrato nel video.
Lasciate riposare la pasta almeno un paio d'ore, coperta da un canovaccio.

 

 

Link al video originale: https://www.youtube.com/watch?v=xicNSn5gdXs

Foto: "Fornelli e Ricette". 


Vuoi essere aggiornato sulle ultime ricette di "Fornelli & Ricette" o chiedermi maggiori dettagli? Segui la pagina Facebook o Instagram

Se la ricetta ti é piaciuta, condividila con i tuoi amici:

Potresti provare anche un altro primo piatto:

Il profumo ed il gusto dei frutti di mare, l'aroma del pepe nero ed il colore del prezzemolo farebbero venire l'acquolina in bocca anche ai più scettici consumatori di pesce.

La pignata è un recipiente di terracotta che veniva utilizzato largamente nel Salento. La forma classica della pentola è quella di una giara

La pasta saltata con le verdure mi da sempre una grande soddisfazione, perchè è rapida da preparare e sempre molto saporita.

Iscriviti alla Newsletter!

Entra a far parte anche tu della Community di Fornelli&Ricette!

Iscrivendoti alla mia Newsletter, ti invierò un messaggio mensile con idee, suggerimenti culinari, novità ed eventi legati alla cucina!
Nessuno spam! Te lo prometto! :-)

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Dai Socials di "Fornelli & Ricette"

Ti piace "Fornelli & Ricette"?
Allora, condividi e segui!

Share With Friends...

Aiutami a far crescere il mio blog, segnalando la pagina ai tuoi amici. Social, E-mail o WhatsApp, basta cliccare e condividere!

...And Follow Us:

Segui le nostre pagine social di "Fornelli e Ricette" per essere sempre aggiornato sulle ultime ricette inserite!