informativa cookies

Utilizziamo i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione e per aiutarci migliorare il nostro sito. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookies in caso contrario è possibile abbandonare il sito. Per maggiori informazioni sulla tipologia di cookies utilizzati da "Fornelli&Ricette", vi invitiamo a cliccare sul pulsante "Approfondisci".

vincotto uva

Il vincotto in Salento viene definito "cuettu" o "mieru cuettu" ed è una preparazione molto antica e in via d'estinzione. La nascita di questo sciroppo analcolico è da collegarsi all'impossibilità di conservare perfettamente in vino prodotto in casa. Le alte temperature, infatti, favorivano il vino spunto, cioè acetificato, che veniva riciclato, cuocendolo. Questa conserva veniva poi utilizzata per condire i dolci tipici, come le pettole dolci o le cartiddhrate


PREPARAZIONE DIFFICOLTÀ PORZIONI
Molto lunga Bassissima /

INGREDIENTI:
Vino rosso spunto  1 lt 
Mosto d'uva di Negramaro o Malvasia Nera cotto 1 lt 
Mela cotogna 
STRUMENTI:
Bottiglie di vetro Pestino  
Colino  


Il mosto d'uva è già, di per sè, una corserva. Questa era una tecnica molto usata in passato per poter conservare il mosto d'uva per lunghi periodi. Procurateli uva Malvasia nera o Negramaro di ottima qualità. Con l'aiuto di un mortaio, pestalela e conservatela insieme al succo in un recipiente per 2-3 giorni. Perchè avvenga la fermentazione, deve essere conservato a temperatura ambiente e con il recipiente aperto.

Passato il tempo, separate il liquido dagli acini pestati e, succesivamente, filtrate il liquido con l'ausilio di un colino a maglie molto strette. Mettete a bollire il succo ottenuto finchè non si sarà dimezzato di volume. Lasciate raffreddare a conservate in bottiglie o vasetti. 

Quando avrete del vino "spunto" o trasformato in aceto, potrete produrre il vincotto salentino. Ponete in un tegame il vino e il mosto cotto in uguali quantità e lasciate sobbollire a fuoco lento, insieme ad una mela cotogna tagliate a cubetti. La peptina contenuta nella mela cotogna permetterà di rendere il liquido simile ad uno sciroppo. Continuate a cuocere finchè la melacotogna non si sarà disfatta completamente. Conservate in bottiglie adeguatamente sanificate e chiuse ermeticamente.

Dove non è espressamente indicato, il contenuto fotografico delle ricette non è di proprietà di "Fornelli e Ricette". La fonte è il web.


Vuoi essere aggiornato sulle ultime ricette di "Fornelli & Ricette" o chiedermi maggiori dettagli? Segui la pagina Facebook o Instagram

Se la ricetta ti é piaciuta, condividila con i tuoi amici:

Potresti provare anche un'altra conserva:

I peperoncini sott'aceto sono buonissimi per accompagnare e dare più personalità a bruschette ed affettati.

Ho un ricordo abbastanza vago di questo digestivo. Ero sicuramente seduta al bancone di un ristorante in montagna con i miei amici.

Questa conserva è il pezzo forte di mia madre! Sono filetti di melanzana sottilissimi e bianchi, con un gradevole retrogusto di aceto

Iscriviti alla Newsletter!

Entra a far parte anche tu della Community di Fornelli&Ricette!

Iscrivendoti alla mia Newsletter, ti invierò un messaggio mensile con idee, suggerimenti culinari, novità ed eventi legati alla cucina!
Nessuno spam! Te lo prometto! :-)

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Dai Socials di "Fornelli & Ricette"

Ti piace "Fornelli & Ricette"?
Allora, condividi e segui!

Share With Friends...

Aiutami a far crescere il mio blog, segnalando la pagina ai tuoi amici. Social, E-mail o WhatsApp, basta cliccare e condividere!

...And Follow Us:

Segui le nostre pagine social di "Fornelli e Ricette" per essere sempre aggiornato sulle ultime ricette inserite!