informativa cookies

Utilizziamo i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione e per aiutarci migliorare il nostro sito. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookies in caso contrario è possibile abbandonare il sito. Per maggiori informazioni sulla tipologia di cookies utilizzati da "Fornelli&Ricette", vi invitiamo a cliccare sul pulsante "Approfondisci".

friselle orzo

La frisella è un piatto contadino tanto semplice quanto gustoso. In realtà stiamo parlando di una ciambella di pane sottoposta a "biscottatura" , cioè alla successiva privazione dell'acqua. L'esigenza di avere un pane disidratato devirò dalla necessità di avere un prodotto commestibile che si potesse conservare a lungo. Il contadino si trasferiva nelle marine durante il periodo estivo per coltivare legumi, patate, capperi. In questi poderi venivano costruite delle abitazioni di fortuna, dove non c'erano nè elettricità, nè cucina, nè altri tipi di comodità. Inoltre, la carenza di mezzi di trasporto, non permetteva alle persone di trasfersi con facilità dalla costa ai paesi. Da qui, la nascita della frisella. La forma a ciambella era dedicata al trasporto. Infatti, venivano infilate come perline in uno spago e appese alla spalla. Quando arrivava l'ora di mangiare, la frisella veniva rinvenuta con l'acqua (operazione che prende il nome di sponzatura) e condita con pomodoro, olio e sale. La conservazione avveniva nei "capasuni", grandi giare di terracotta che non lasciavano passare l'umidità. 

Per chi possedeva un forno a legna, le friselle rappresentavano l'ultima cottura. Dopo il pane, le focacce e altri prodotti da forno, toccava a loro. Questo perchè la biscottatura avveniva a forno non più ravvivato e poteva durare una giornata intera.


PREPARAZIONE DIFFICOLTÀ PORZIONI
20 minuti di impasto + 2-3 ore di lievitazione + 20 min prima cottura + 40 min seconda cottura Difficile circa 20 friselle

INGREDIENTI:
Farina di semola rimacinata 350 gr
Farina d'orzo 250 gr
Lievito madre rinfrescato 150 gr circa
Sale  2 cucchiaini 
Acqua tiepida q.b.
   
STRUMENTI:
Ciotola Setaccio
Spianatoia Teglia da forno

 

In una ciotola, ammorbidite il lievito madre con poca acqua a temperatura ambiente o leggermente tiepida. Potete leggere le istruzioni per la produzione del lievito madre qui:

Lievito madre fatto in casa

Disponete a fontana le farine setacciate sulla spianatoia. Praticate un foro al centro e aggiungete il lievito ammorbidito, iniziando a impastare. Una volta assorbito, continuate ad aggiungere gradualmente l'acqua nella quale avrete sciolto il sale. La quantità di acqua da aggiungere varia a seconda della capacità di assorbimento della farina. Il risultato dell'impasto deve essere liscio e compatto. Impastate a lungo ed energicamente. 

 

A questo punto dividete il composto in panetti più piccoli di circa 100-120 gr l'uno. Successivamente lavorate i panetti in cordoni dello spessore di 3 centimetri circa. A questo punto, se preferite avere le friselle con il buco al centro, arrotolate i cordoni su loro stessi, lasciando un buco di un paio di centrimentri. Il foro si restringerà con la lievitazione. Se, invece preferite mantenere la forma del panetto, arrotolate come fosse una girella. Una volta ultimato l'impasto, lasciate riposare e lievitare sulla spianatoia infarinata. La lievitazione con il lievito madre è più lunga. Sarà terminata quando i panetti avranno raddoppiato lo spessore.

Oppure, potete pressare il dito sull'impasto. Se l'impronta non rimane impressa sulla pasta, allora la lievitazione sarà finita. Infornate in forno preriscaldato a 200°C per circa 15-20 minuti. La superficie del pane deve essere leggermente dorata. Estraete le friselle e, ancora calde, tagliatele a metà, formando due dischetti, con l'ausilio di un coltello seghettato. Riponete ancora in forno a 160-170°C per altri 30-40 min. Quando l'aspetto delle friselle sarà dorato, spegnete il forno, tenete aperto lo sportello e portate a completo raffreddamento. Conservate completamente fredde.

Dove non è espressamente indicato, il contenuto fotografico delle ricette non è di proprietà di "Fornelli e Ricette". La fonte è il web.


Vuoi essere aggiornato sulle ultime ricette di "Fornelli & Ricette" o chiedermi maggiori dettagli? Segui la pagina Facebook o Instagram

Se la ricetta ti é piaciuta, condividila con i tuoi amici:

Potresti impastare anche:

Lo gnocco fritto è un quadrettone di pasta lievitata, tipico della cucina emiliana, perfetto per accompagnare salumi e formaggi.

Non potete immaginare la mia soddisfazione quando ho tagliato la pizza e ho visto questi bellissimi alveoli.

Per la mia cena a base di specialità salentine, non potevano mancare le pucce appena sfornate.

Iscriviti alla Newsletter!

Entra a far parte anche tu della Community di Fornelli&Ricette!

Iscrivendoti alla mia Newsletter, ti invierò un messaggio mensile con idee, suggerimenti culinari, novità ed eventi legati alla cucina!
Nessuno spam! Te lo prometto! :-)

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Dai Socials di "Fornelli & Ricette"

Ti piace "Fornelli & Ricette"?
Allora, condividi e segui!

Share With Friends...

Aiutami a far crescere il mio blog, segnalando la pagina ai tuoi amici. Social, E-mail o WhatsApp, basta cliccare e condividere!

...And Follow Us:

Segui le nostre pagine social di "Fornelli e Ricette" per essere sempre aggiornato sulle ultime ricette inserite!