informativa cookies

Utilizziamo i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione e per aiutarci migliorare il nostro sito. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookies in caso contrario è possibile abbandonare il sito. Per maggiori informazioni sulla tipologia di cookies utilizzati da "Fornelli&Ricette", vi invitiamo a cliccare sul pulsante "Approfondisci".

taralli pizzaiola

I taralli sono i bruscolini del sud Italia e costituiscono delle ciambelline di pane senza lievito. Vino rosso e taralli erano il modo tipico di accogliere gli ospiti a casa dei contadini salentini. Ne esistono diverse versioni e dimensioni, al vino o al latte ma, in particolare, quelli salentini si distinguono dagli altri del sud Italia per il fatto di essere piccolini. 

Tutte le ricette che ho trovato in rete prevedono l'utilizzo della farina 00. Il tarallo è un prodotto molto antico e, molti anni fa, la farina raffinata non esisteva. Quindi, sebbene adesso si faccia un uso sconsiderato della qualità 00, io preferisco la farina di grano duro per le ricette tradizionali, poichè era quella maggiormente utilizzata dai contadini.

Oggi, nei panifici troviamo un'infinità di varianti, da quelli di grano riarso a quelli con la cima di rapa, ma la ricetta classica prevedeva fondamentalmente due condimenti: i taralli ai semi di finocchio e quello al pomorodo

 


PREPARAZIONE DIFFICOLTÀ PORZIONI
 30 minuti per l'impasto + 30 minuti prima cottura + 20 minuti la seconda cottura (almeno due ore di riposo tra le cotture) Medio dipende dalle dimensioni

INGREDIENTI:
Farina di semola rimacinata 500 gr
Olio d'oliva 125 gr
Vino bianco secco 125 gr circa
Concentrato di pomodoro 2 cucchiai
Sale  1 cucchiaino 
Peperoncino in polvere dipende dai gusti e da quanto picca
Origano  1 cucchiaino 
STRUMENTI:
Casseruola Setaccio
Spianatoia Teglia da forno
Schiumarola Panni di cotone

 

Come tutti gli impasti all'olio, si ha bisogno di braccia forti e lavoro duro. Disponete a fontana la farina setacciata sulla spianatoia. Praticate un foro al centro e aggiungete il concentrato di pomodoro, il sale, il peperoncino e l'origano. Impastate man mano con l'olio. Sgranate la farina oliata, strofinandola sui palmi delle mani. Una volta assorbito l'olio, continuate ad aggiungere gradualmente il vino e impastate. Il risultato dell'impasto deve essere liscio e compatto. Impastate a lungo ed energicamente. Fate riposate per una mezz'ora.

 

Ricavate dal panetto dei pezzi più piccoli, che lavorerete per formare dei cordoni di circa un centimetro di diametro. Dai cordoni dovete ricavare i tarallini. Arrotolate il cordone attorno alla punta del dito indice. Quando la pasta si sovrappone, pizzicatela in modo che si saldi e si stacchi dalla restante massa. Sfilate il tarallino come fosse un anello. Gli impasti all'olio sono difficili da lavorare, ma hanno il pregio di non appiccicare.

Proseguite fino alla fine dell'impasto. A questo punto, in una casseruola capiente, portate a bollore l'acqua.  Immergete pochi taralli alla volta. Quando tornano in superficie, raccoglieteli con una schiumarola e adagiateli su un canovaccio asciutto di cotone. Proseguite con tutti i taralli.

A questo punto, devono asciugare e raffreddare. Possono essere infornati anche dopo mezza giornata. Preriscaldate il forno a 200°C. Informate per circa 30 minuti. Sfornate ben dorati. Conservate in una recipiente a chiusura ermetica, completamente freddi.

Dove non è espressamente indicato, il contenuto fotografico delle ricette non è di proprietà di "Fornelli e Ricette". La fonte è il web.


Vuoi essere aggiornato sulle ultime ricette di "Fornelli & Ricette" o chiedermi maggiori dettagli? Segui la pagina Facebook o Instagram

Se la ricetta ti é piaciuta, condividila con i tuoi amici:

Potresti impastare anche:

Oggi, pizza! Ecchepizza!La base è ormai quella super consolidata della pizza semi-integrale con lievitazione moooooooooolto lunga.

Ecco! Non so come spiegare la soddisfazione che ho provato, quando ho fatto a casa qualcosa che ho sempre e solo acquistato al supermercato già pronto e imbustato!

La mia Wendy mi ha lasciato! Ad un certo punto, senza nessun motivo apparente, il mio lievito madre ha smesso di funzionare.

Iscriviti alla Newsletter!

Entra a far parte anche tu della Community di Fornelli&Ricette!

Iscrivendoti alla mia Newsletter, ti invierò un messaggio mensile con idee, suggerimenti culinari, novità ed eventi legati alla cucina!
Nessuno spam! Te lo prometto! :-)

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Dai Socials di "Fornelli & Ricette"

Ti piace "Fornelli & Ricette"?
Allora, condividi e segui!

Share With Friends...

Aiutami a far crescere il mio blog, segnalando la pagina ai tuoi amici. Social, E-mail o WhatsApp, basta cliccare e condividere!

...And Follow Us:

Segui le nostre pagine social di "Fornelli e Ricette" per essere sempre aggiornato sulle ultime ricette inserite!