informativa cookies

Utilizziamo i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione e per aiutarci migliorare il nostro sito. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookies in caso contrario è possibile abbandonare il sito. Per maggiori informazioni sulla tipologia di cookies utilizzati da "Fornelli&Ricette", vi invitiamo a cliccare sul pulsante "Approfondisci".

spaghettoni tartufo bianco

Sì, lo so! Già sento i puristi del tartufo che esclamano: "Nooooo, ma il tartufo si fa con le tagliatelle!". Ne sono cosciente! Chiedo venia!...ma a me la pasta all'uovo non fa impazzire. Quindi, mi sono lanciata in questa blasfemia, associando il tartufo bianco con uno spaghettone quadrato integrale. A me, il risultato è piaciuto tantissimo.

Lo spaghettone al tartufo bianco ha un sapore ed una consistenza che si sposa benissimo a questo pregiato tubero, senza assorbire molto il burro e mantenendo una bella cottura al dente. Approvato! Ovviamente, approvato da mio marito! Lui è il primo, nonchè severissimo giudice, dei miei esperimenti culinari!


PREPARAZIONE DIFFICOLTÀ PORZIONI
30 minuti Bassissima 2 persone

INGREDIENTI:
Spaghettoni integrali quadrati 70 gr a commensale
Burro 70 gr
Parmigiano grattugiato a lamelle 50-70 gr
Tartufo bianco  1 piccolino
Sale e pepe q.b.
STRUMENTI:
Casseruola Mandolina
Grattugia a lamelle  


Iniziate insaporendo il burro con il tartufo. Potete farlo circa due ore prima, rispetto alla preparazione del piatto. Sciogliete il burro nella padella dove poi salterete gli spaghetti. Abbiate cura che sia larga e bassa. Fate intiepire. Quando il burro avrà ancora la consistenza di una cremina (quindi quasi freddo), tagliate un terzo del tartufo e grattugiatelo nel burro. Rimestate bene e fate rapprendere. A questo punto il burro si raffredderà e formerà come una patina sul fondo della padella. 

Cuocete gli spaghetti in abbondante acqua salata. Quando la pasta sarà quasi cotta e macheranno un paio di minuti, usate la padella dove c'è il burro come coperchio dell'acqua. L'effetto da ottenere è quello di ammorbidire un po' il burro senza scaldarlo alla fiamma. Questo perchè il tartufo non andrebbe usato su preparazioni molto calde, poichè il calore fa degradare sia il gusto che il profumo.

Scolate gli spaghetti, trasferiteli nella padella e saltateli per bene, sempre fuori fiamma. Impiattate la pasta, spolverate con il parmigiano a lamelle e il tartufo a fettine. Per ottenere le fettine potete usare una mandolina. Anche se è un po' più complicato e se non avete la madolina, potete anche usare il pelapatate.

Foto: "Fornelli e Ricette".


Vuoi essere aggiornato sulle ultime ricette di "Fornelli & Ricette" o chiedermi maggiori dettagli? Segui la pagina Facebook o Instagram

Se la ricetta ti é piaciuta, condividila con i tuoi amici:

Potresti provare anche un altro primo piatto:

Il mio regime dietetico, oggi, prevede pasta all'olio e verdura! Ora, a meno che non avrò un problema salutare che mi impone di mangiare pasta in bianco

Elencare i primi piatti salentini senza parlare delle paste fatte in casa è impossibile. Quindi, prima di addentrarsi nelle preparazioni tipiche della tradizione culinaria del Salento

I cavatelli alle cime di rapa, come qualsiasi altra pasta alle verdure, per me rappresentano la ricetta del giorno dopo, come riciclo degli ortaggi.

Iscriviti alla Newsletter!

Entra a far parte anche tu della Community di Fornelli&Ricette!

Iscrivendoti alla mia Newsletter, ti invierò un messaggio mensile con idee, suggerimenti culinari, novità ed eventi legati alla cucina!
Nessuno spam! Te lo prometto! :-)

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Dai Socials di "Fornelli & Ricette"

Ti piace "Fornelli & Ricette"?
Allora, condividi e segui!

Share With Friends...

Aiutami a far crescere il mio blog, segnalando la pagina ai tuoi amici. Social, E-mail o WhatsApp, basta cliccare e condividere!

...And Follow Us:

Segui le nostre pagine social di "Fornelli e Ricette" per essere sempre aggiornato sulle ultime ricette inserite!