informativa cookies

Utilizziamo i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione e per aiutarci migliorare il nostro sito. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookies in caso contrario è possibile abbandonare il sito. Per maggiori informazioni sulla tipologia di cookies utilizzati da "Fornelli&Ricette", vi invitiamo a cliccare sul pulsante "Approfondisci".

ravioli carne vapore2

Io e mio marito amiamo i ravioli cinesi al vapore. C'è un posticino, qui vicino casa nostra, che ne prepara una varietà smisurata, dai colori e sapori fantastici. Ovviamente, in questo periodo di lockdown è chiuso e non effettua take-away, quindi ho provato a riprodurre quelli più classici a casa.

I gyoza sono ravioli ripieni di carne di maiale e verdure, cotti al vapore, e insaporiti dalla salsa di soia. La pasta, tirata sottilissima, racchiude un ripieno succosissimo e profumato. Non posso dire di aver preparato quelli originali, ovviamente, però erano molto buoni ed il gusto era abbastanza fedele. Non appena potrò viaggiare e potrò mangiare direttamente i ravioli nella terra del Sol Levante, vi saprò dire meglio! ;-)


PREPARAZIONE DIFFICOLTÀ PORZIONI
Un paio d'ore Medio 25-26 ravioli

INGREDIENTI:
Farina di semola di grano duro  200 gr
Acqua 120 gr circa
Trito di maiale 250 gr
Carota 1 grande
Porro Due foglie
Zenzero 2 cm di radice
Soia Una tazza
Erba cipollina 5-6 steli
ACCESSORI:  
Vaporiera Spianatoia
Mattarello  

 

Iniziate con la sfoglia di semola. Io utilizzo questa farina per la pasta perchè è molto elastica e resistente. Su una spianatoia, disponete la farina a fontana e versate al centro l'acqua, gradualmente. Impastate energicamente fino ad ottenere un panetto liscio. All'inizio sembrerà non legarsi, ma insistete e dateci dentro di olio di gomito. Non aggiungete altra acqua. Avvolgete il panetto nella pellicola e lasciate riposare per un'oretta.

Nel frattempo, preparate il ripieno. Tritate tutte le verdure e lo zenzero in modo molto sottile. Se preferite, potete sminuzzarle con un tritatutto. In una ciotola, unite le verdure, la carne e 4-5 cucchiai di salsa di soia. Non aggiungete sale, perchè, per la sapidità, ci pensa già la soia. Amalgamate bene e lasciate riposare.

 

Passato il tempo, stendete la pasta con il mattarello. Deve essere quanto più sottile è possibile. Io mi sono fermata quando riuscivo a vedere la trama della spianatoia attraverso la pasta. Con un coppapasta (io ho usato un bicchiere), tagliate tanti dischi del diamentro di 7-8 cm. Posizionate una pallina di ripieno all'interno. Ora viene il difficile: la chiusura. Io ho visto una marea di tutorial su youtube, ho provato e riprovato, ma vi mostrerò la chiusura a fagottino che è quella più semplice da realizzare, senza stress.

ravioli vapore dett1 ravioli vapore dett2 ravioli vapore dett3

Come procedere:

- Disponete il ripieno al centro della pasta (foto 1)
- Chiudete due lembi della circonferenza (foto 2)
- Fate la stessa cosa con i lembi opposti della pasta (foto 3)

A questo punto il fagotto è pronto. Dovrete solo sigillare bene tutti i lati della croce che si sarà formata. Continuate fino alla fine degli ingredienti. Io ho conservato i ravioli, sistemati su un tagliere e coperti con la pellicola, per un giorno in frigo. Mi servivano per il pranzo del giorno dopo. Se non avete intenzione di mangiarli subito, potete surgelarli. Noi ne abbiamo mangiati circa 18 (in due). I rimanenti sono in freezer.

Per la cottura, la mia vaporiera è formata da una casseruola sotto, a cui ci si può sistemare sopra una padella di vetro bucherellata sul fondo. Ma, va bene qualsiasi modello. I ravioli necessitano di circa 15 minuti di cottura al vapore. Mangiate caldi, inumiditi con salsa di soia. 

Foto: Fornelli & Ricette


Vuoi essere aggiornato sulle ultime ricette di "Fornelli & Ricette" o chiedermi maggiori dettagli? Segui la pagina Facebook o Instagram

Se la ricetta ti é piaciuta, condividila con i tuoi amici:

Potresti provare anche un altro primo piatto:

Sul mio balcone imperversano un bel po' di erbe aromatiche: timo, menta, salvia. In particolare, c'è una pianta che non manca mai: il basilico.

Il nero di seppia piace particolarmente a mio marito, quindi, a volte devo accontentarlo e  confrontarmi con questo particolare ingrediente, caratteristico della cucina italiana.

I peperoni ripieni possono essere serviti sia come primo piatto che come secondo.

 

Iscriviti alla Newsletter!

Entra a far parte anche tu della Community di Fornelli&Ricette!

Iscrivendoti alla mia Newsletter, ti invierò un messaggio mensile con idee, suggerimenti culinari, novità ed eventi legati alla cucina!
Nessuno spam! Te lo prometto! :-)

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Dai Socials di "Fornelli & Ricette"

Ti piace "Fornelli & Ricette"?
Allora, condividi e segui!

Share With Friends...

Aiutami a far crescere il mio blog, segnalando la pagina ai tuoi amici. Social, E-mail o WhatsApp, basta cliccare e condividere!

...And Follow Us:

Segui le nostre pagine social di "Fornelli e Ricette" per essere sempre aggiornato sulle ultime ricette inserite!