informativa cookies

Utilizziamo i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione e per aiutarci migliorare il nostro sito. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookies in caso contrario è possibile abbandonare il sito. Per maggiori informazioni sulla tipologia di cookies utilizzati da "Fornelli&Ricette", vi invitiamo a cliccare sul pulsante "Approfondisci".

soute cozze rid

Da buona terrona che vive a Milano, applico pedissequamente tutti i preconcetti sul cibo, tipici di chi viene dal Sud! "Da noi si mangia meglio..."
"Ehhh ma la verdura ha più sapore..."

Ma soprattutto: "Perchè devo mangiare pesce a Milano, quando posso aspettare di tornare a casa e gustarlo in riva al mare? "

Ecco! Io appartengo fermamente ed ingiustificatamente alla seconda categoria! Ingiustificatamente, perchè, dopo circa 9 anni di adozione meneghina, l'anno scorso ho ceduto alla tentazione di un  plateau di frutti di mare crudi in un ristorante milanese...ed erano buonissimi e di elevata qualità! Poi...sono subito tornata nei miei pregiudizi e non l'ho fatto più! 

Tutto questo per introdurre uno dei pochi peccati di gola che mi concedo lontana dalla terra natia, legato ai frutti di mare: il sautè di cozze! Alla maniera di casa mia, cioè con il pomodoro e il pane di grano duro fritto.

A voi la semplicissima ricetta!


PREPARAZIONE DIFFICOLTÀ PORZIONI
15 minuti di pulizia + 15 minuti di cottura Bassa 6 persone

INGREDIENTI:
  • 1 kg di cozze crude freschissime
  • 1 spicchio d'aglio
  • 300 gr di pomodorini
  • vino bianco
  • Sale e pepe
  • Olio d'oliva
  • pane di grano duro

 


Iniziamo con una nota sui crostoni. Il Salento è noto per l'accompagnamento di molti piatti con il pane fritto nell'olio d'oliva! Sono buonissimi, ma perchè il risultato sia ottimale bisogna utilizzare il pane di grano duro che ha una mollica molto compatta. Questa tipologia di mollica permette che il pane non assorba e si impregni d'olio.

Dato che il pane di grano duro non è facilmente reperibile (io lo faccio in casa...) si può usare qualsiasi altra tipologia, ma è più indicata la cottura al forno o sulla griglia. Per il forno, disponete due fette di pane per ogni commensale sulla placca. Condite con origano, sale e un filo d'olio. Infornate a 180° fino alla doratura della superficie. 

Passiamo ai mitili. La riuscita del piatto dipende dalla qualità del frutto di mare. Scartate tutte le cozze che hanno un cattivo odore, che hanno la valva aperta oppure rotta. Con l'ausilio di una retina, strofinate la conchiglia per eliminare le impurità e strappate il bisso, che è la barbetta filamentosa che esce dal lato della cozza. Contrariamente a quanto si trova in rete, la cozza non contiene sabbia quindi non ha bisogno di essere spurgata. Ma, se voleste essere meticolosi, mettete a bagno in abbondante acqua con un cucchiaio di sale grosso e lasciatele per una mezz'oretta. 

Nel frattempo, tritate l'aglio finemente e rosolatelo in un fondo di olio d'oliva. Aggiungete i pomodorini tagliati a tocchetti e sfumate con mezzo bicchiere di vino bianco. Fate appassire spolverando di pepe e origano. A questo punto, alzate la fiamma e traferite le cozze nella padella. Saltate per bene in modo che il condimento penetri nella conchiclia. Coprite con il coperchio e lasciate cuocere finchè i mitili non saranno tutti aperti. Una volta pronte, spolverate con prezzemolo fresco tritato.

Se qualche conchiclia non si è aperta durante la cottura, eliminatela. Servite tiepido o freddo, accompagnato da crostoni di pane fritto. 

Foto: Fornelli & Ricette


Vuoi essere aggiornato sulle ultime ricette di "Fornelli & Ricette" o chiedermi maggiori dettagli? Segui la pagina Facebook o Instagram

Se la ricetta ti é piaciuta, condividila con i tuoi amici:

Potresti provare anche un altro secondo piatto:

La frittata rappresenta quel piatto utile e versatile per soddisfare qualsiasi scopo: svuotafrigo, aperitivo, secondo, gita fuori porta

Pensate a qualcosa di veloce, semplice e gustoso...ecco è la descrizione perfetta della ricetta che sto per scrivervi: un piatto estivo e leggero che può accontentare tutti i palati.

Spesso il pollo risulta stopposo e difficile da mangiare, se non accompagnato ad un contorno o a delle salsine varie ed eventuali.

 

Iscriviti alla Newsletter!

Entra a far parte anche tu della Community di Fornelli&Ricette!

Iscrivendoti alla mia Newsletter, ti invierò un messaggio mensile con idee, suggerimenti culinari, novità ed eventi legati alla cucina!
Nessuno spam! Te lo prometto! :-)

Dai Socials di "Fornelli & Ricette"

Ti piace "Fornelli & Ricette"?
Allora, condividi e segui!

Share With Friends...

Aiutami a far crescere il mio blog, segnalando la pagina ai tuoi amici. Social, E-mail o WhatsApp, basta cliccare e condividere!

...And Follow Us:

Segui le nostre pagine social di "Fornelli e Ricette" per essere sempre aggiornato sulle ultime ricette inserite!